Please use this identifier to cite or link to this item: https://oa.inapp.org/xmlui/handle/20.500.12916/3507
Full metadata record
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.authorParente, Maria
dc.contributor.authorFilosa, Giovanna
dc.date.accessioned2022-05-02T08:44:33Z
dc.date.available2022-05-02T08:44:33Z
dc.date.issued2022-04-28
dc.identifier.citationParente M., Filosa G., Migrazioni femminili in Italia: il caso delle donne ucraine, Intervento a "Convegno Womanitarian. Le donne risorse di comunità", Napoli, Maschio Angioino, 28 aprile 2022 <https://oa.inapp.org/xmlui/handle/20.500.12916/3507>it_IT
dc.identifier.urihttps://oa.inapp.org/xmlui/handle/20.500.12916/3507
dc.description.abstractIl documento, all'interno del convegno dedicato alla discussione sul tema del valore aggiunto che le donne portano alle dinamiche sociali di coesione e di inclusione, focalizza l'attenzione sull'immigrazione delle donne ucraine, in assoluto il gruppo più numeroso in Italia (177mila residenti, il 37% di tutte le donne ucraine in Europa). Si tratta di donne impiegate prevalentemente nei servizi alle famiglie o nell’assistenza e cura delle persone anziane o dei bambini. Partite da sole per cercare lavoro, spesso in seguito alla chiamata di una connazionale già in Italia, si sono stabilizzate anche grazie alle grandi sanatorie del 2002 e del 2009.it_IT
dc.language.isoitit_IT
dc.subjectImmigrazioneit_IT
dc.subjectLavoro di curait_IT
dc.subjectLavoro femminileit_IT
dc.titleMigrazioni femminili in Italia: il caso delle donne ucraineit_IT
dc.typePresentationit_IT
dc.type.relationPresentation;
Appears in Collections:Presentazioni

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
INAPP_Parente_Filosa_MIgrazioni_femminili_in_Italia_2022.pdfMain document955,2 kBAdobe PDFView/Open
INAPP_Parente_Filosa_Cover_2022.pngCover218,77 kBimage/pngView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.