Please use this identifier to cite or link to this item: https://oa.inapp.org/xmlui/handle/20.500.12916/2243
Full metadata record
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.authorIsfol
dc.contributor.authorBergamante, Francesca
dc.contributor.authorCanal, Tiziana
dc.contributor.authorGualtieri, Valentina
dc.date.accessioned2016-12-06T10:31:48Z
dc.date.accessioned2021-06-30T17:08:41Z-
dc.date.available2016-12-06T10:31:48Z
dc.date.available2021-06-30T17:08:41Z-
dc.date.issued2014
dc.identifier.citationNon sempre mobili : i risultati dell'indagine Isfol sulla mobilità geografica dei dottori di ricerca / ISFOL ; [a cura di Francesca Bergamante, Tiziana Canal e Valentina Gualtieri]. - Roma : ISFOL, c2014. - 205 p. ; 24 cm. - (I libri del Fondo sociale europeo ; 196)it_IT
dc.identifier.isbn9788854302686
dc.identifier.issn15900002
dc.identifier.urihttp://oa.inapp.org/xmlui/handle/20.500.12916/2243-
dc.descriptionIsfol, Bergamante F. e Canal T. e Gualtieri V. (a cura di), Non sempre mobili : i risultati dell'indagine Isfol sulla mobilità geografica dei dottori di ricerca, Roma, Isfol, 2014. Isfol OA<http://isfoloa.isfol.it/xmlui/handle/123456789/1381>it_IT
dc.description.abstractBook. Lo studio dei fenomeni migratori delle persone altamente scolarizzate costituisce una base di partenza per riflettere sul rischio di depauperamento di capitale umano che caratterizza alcuni territori. La migrazione, che di per sé non costituisce uno svantaggio, può diventare un elemento di criticità nel momento in cui la mobilità diventa persistente e assume un profilo unidirezionale. La perdita di capitale umano altamente qualificato può avere infatti ricadute negative sullo sviluppo socio-economico e sulla crescita sostenuta di un paese. Rispetto alle alte economie avanzate, in Italia, dove minore è l’investimento in capitale umano e ridotta la sua valorizzazione sul mercato del lavoro, si osservano processi migratori di persone altamente istruite: a spostamenti verso altri sistemi economici si affiancano percorsi di mobilità sul territorio italiano sostanzialmente diretti dal Sud verso il Nord. Nel corso del 2012 l’ISFOL ha condotto un’indagine volta a quantificare e descrivere il fenomeno della mobilità geografica dei dottori di ricerca che migrano verso l’estero o si spostano sul territorio italiano. L’indagine ha l’obiettivo di analizzare i fattori determinanti e gli effetti della mobilità geografica delle persone ad elevato investimento in capitale umano e in questo volume si presentano i principali risultati dell’attività di ricerca.it_IT
dc.description.sponsorshipUnione europea, Fondo sociale europeo; Ministero del lavoro e delle politiche sociali, Direzione generale per le politiche attive e passive del lavoro, Direzione generale per le politiche dei servizi per il lavoro; FSE per il tuo futuro, Programmi operativi nazionali per la formazione e l'occupazioneit_IT
dc.language.isoitit_IT
dc.publisherIsfolit_IT
dc.relation.ispartofseriesI libri del Fondo sociale europeo;196
dc.subjectCapitale umanoit_IT
dc.subjectDottoratoit_IT
dc.subjectMobilita geograficait_IT
dc.titleNon sempre mobili : i risultati dell'indagine Isfol sulla mobilità geografica dei dottori di ricercait_IT
dc.typeBookit_IT
dc.type.relationBook;I libri del Fondo sociale europeo
Appears in Collections:Pubblicazioni Isfol

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Isfol_FSE196.pdf8,66 MBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.